Colmar, la cittadina dei colori

0 copertina

La Francia è uno dei paesi europei con tante attrazioni turistiche, dalle grandi città ai piccoli e caratteristici borghi, dagli splendidi castelli ai monumenti storici ed alle tante bellezze naturali.

L’Alsazia è una regione storica francese fra le più piccole del paese ed è anche e soprattutto per questo motivo che dal 1° gennaio 2016 è confluita nella regione Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena.

La città più famosa dell’Alsazia è certamente Strasburgo, sede di numerose e prestigiose organizzazioni internazionali, ma questo territorio a ridosso della Germania e della Svizzera presenta diversi borghi molto caratteristici e oggi The Golden Scope ha scelto di mostrarvi quello che, a nostro modo di vedere, è il più particolare: Colmar.

Sono tante le definizioni che Colmar si è meritata, come ad esempio la”piccola Venezia di Alsazia”, ma siamo certi che molti di voi saranno d’accordo con noi, dopo avere visto le foto, che anche quella di “cittadina dei colori” le si addice perfettamente.

Infatti, soprattutto ma non solo in primavera ed estate, Colmar è una vera e propria esplosione di colori che mettono allegria al solo passeggiare fra le sue strade circondati da colorate costruzioni, che sembrano le case delle fate fatte di marzapane, ornate da una miriade di vasi colmi di fiori multicolori.

Ad esempio nel cuore di questa graziosa cittadina di circa 65.000 abitanti ci si imbatte nel suggestivo quartiere di Krutenau con le sue case di legno, ovviamente colorate, separate da romantici canali, case che un tempo erano la dimora dei pescatori di quello che era semplicemente un villaggio.

Per gli amanti della cultura Colmar offre la possibilità di visitare diversi interessanti musei come il Musée d’Unterlinden, che si trova in uno splendido convento domenicano del 1200, o il Museo Bartholdi che mostra la vita della cittadina attraverso le opere dell’omonimo scultore nativo di Colmar stessa.

Assolutamente da vedere anche il mercato cittadino, conosciuto come “Marché Couvert” e realizzato in stile neo-barocco nel 1865, oltre a tanti altri aspetti caratteristici della “cittadina dei colori”, uno di quei centri tutti da scoprire dove il tempo sembra essersi fermato a qualche secolo fa creando una atmosfera magica per i visitatori!

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, e appartengono tutte ai rispettivi proprietari originali)