Saint Vincent e Grenadine

L’America Centrale è sicuramente una area del nostro pianeta che attira principalmente, ma non solo, gli amanti della vacanza di mare… Basti pensare al Canale di Panama che permette di passare dall’Oceano Atlantico all’Oceano Pacifico.

Paesi come il Belize e la Costa Rica, Cuba e la Dominica delle quali vi abbiamo già parlato, le Bahamas e la Repubblica Dominicana, sono solo alcune delle destinazioni che sono in grado di offrire a chiunque una vacanza indimenticabile!

Il Mare dei Caraibi ha una serie di meravigliose isole, alcune molto note ed altre tutte da scoprire, e fra queste oggi The Golden Scope ha scelto di mostrarvi uno stato insulare che fa parte delle Piccole Antille e che non è fra i più noti e frequentati dai vacanzieri: Saint Vincent e Grenadine.

3 a solo 3 b solo

Il fatto che questo stato insulare, che è membro del Commonwealth inglese, non sia inserito negli itinerari turistici dei grandi tour-operator è confermato dalla sua principale attività economica che rimane l’agricoltura con particolare riferimento alla coltivazione delle banane.

La selvaggia natura che si trova a Saint Vincent e Grenadine trae origine dalla indole guerriera della popolazione che abitava negli scorsi secoli le isole e che ha fatto si che gli europei vi si insediassero solo a partire dal XVIII secolo creando diverse piantagioni nella quali lavorarono per lungo tempo gli schiavi provenienti dall’Africa.

Finalmente nel 1834 fu abolita la schiavitù ma queste splendide isole rimasero come colonia sotto il dominio inglese fino a quando, dopo alcuni passaggi politici intermedi, ottennero l’indipendenza assoluta il 27 ottobre del 1979.

L’isola principale, Saint Vincent che in lingua caribe si chiama Airouna, ospita la capitale Kingstown, una caratteristica cittadina con oltre 25.000 abitanti che è anche il principale porto del paese e, quindi, un punto nevralgico sia per il turismo che per le attività agricole locali.

Saint Vincent e Grenadine, un paradiso caraibico dove, solo per farvi alcuni esempi, è possibile praticare sport acquatici come il windsurf e il kitesurf oltre alle immersioni subacquee fra stupefacenti pesci multicolore. Visitare l’interno delle isole più grandi vuol dire esplorare foreste pluviali e trovarsi improvvisamente di fronte a suggestive cascate come le Dark View Falls, fare trekking arrampicandosi sui rilievi montuosi che dominano il Mare dei Caraibi nel quale il sole si tuffa al tramonto fra degli stupefacenti colori!

9 10 11 12

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, e appartengono tutte ai rispettivi proprietari originali)