La magia di Tham Khuon Xe

copertina lunedì-tamkounxe

Quelli che ci seguono da tempo sanno che noi di The Golden Scope amiamo il nostro bellissimo pianeta con tutte le sue meraviglie ma sanno anche che amiamo particolarmente l’estremo oriente con i suoi affascinanti paesi nei quali ognuno di noi dovrebbe potere andare alla scoperta di meraviglie nascoste.

tamkounxe 1a

Oltre alla Cina, della quale vi parliamo spesso, esistono paesi ovviamente di dimensioni e popolazione nettamente inferiori ad essa ma sicuramente altrettanto interessanti…. Il Vietnam, la Cambogia, la Birmania/Myanmar ed il Laos hanno, ad esempio, queste caratteristiche.

Oggi vi parleremo di un luogo incredibilmente bello che si trova nel Laos, un luogo “nascosto” perché si tratta di una caverna, una delle più grandi del mondo, con una serie di passaggi e cunicoli sotterranei scavati nel tempo dal fiume Xe Bang Fai.

tamkounxe 3a

La foresta tropicale fa da cornice all’ingresso della caverna che, per darvi un ordine di grandezza, è alta circa 60 metri nell’arco iniziale per poi trasformarsi in un magico paesaggio sotterraneo calcareo che raggiunge una altezza di circa 150 metri.

Da secoli la popolazione locale conosce questo fantasmagorico mondo sotterraneo ma, nonostante fosse stata scoperta da esploratori europei nel 1904, fu finalmente aperto, con grande riluttanza dei governanti laotiani nel 2005.

Visitare Tham Khuon Xe vuol dire proiettarsi in mondo fatato con dei colori che madre natura sembra avere creato insieme ai più grandi pittori della storia dell’umanità e trovarsi di fronte a delle stalagmiti di oltre 20 metri non è cosa da tutti i giorni….

I passaggi sotterranei scavati dal fiume sono lunghi circa 7 chilometri e in alcuni punti questi suggestivi canali fluviali raggiungono la larghezza di quasi 100 metri permettendo ai coraggiosi, anzi temerari, che lo desiderano di avventurarvisi con il kajak.

tamkounxe 7a

Tutto ciò ha attirato l’attenzione del fotografo australiano, ma di base in Thailandia, John Spies che, da vero professionista, con l’aiuto di un team di 4 persone attrezzate con potenti luci a led, ha messo in campo la sua trentennale esperienza di esplorazioni sotterranee nel sud-est asiatico creando una spettacolare sequenza fotografica che ci mostra un mondo sotterraneo fantasmagorico che non può che spingere tutti noi a dire: “Grazie John Spies per le tue splendide foto!”

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)