Dove vedere l’orangotango nel Borneo

Il Borneo, isola del sud-est asiatico, a sud della Malaysia e a Nord dell’Australia, è rinomato per le sue foreste pluviali che ospitano una grande varietà di specie animali e vegetali.

L’isola è suddivisa tra tre paesi: Malesia e Brunei per la parte a nord e Indonesia per la parte a sud. Oggi però, “visiteremo” la parte malese perché siamo alla ricerca dei posti dove vedere gli oranghi selvaggi!

Una vacanza perfetta per gli amanti degli animali: trekking nella giungla alla scoperta di villaggi locali e il sogno di un incontro faccia a faccia con un rosso e soffice orangotango. Per me che adoro gli animali è sicuramente una vacanza da sogno!

The Golden Scope ha scelto cinque luoghi che sono considerati i migliori per vedere gli oranghi, adesso il prossimo step è che tu, lettore, scelga quello che ti piace di più!

Semenggoh Wildlife Rehabilitation Centre

Il Semenggoh Wildlife Rehabilitation Centre si trova a 12 miglia da Kuching, la capitale dello stato di Sarawak. Questo centro ha come finalità quella di reintrodurre gli oranghi nel loro ambiente.

Kubah National Park

Il Parco Nazionale Kubah è non troppo lontano da Kuching. A questo parco appartiene il centro denominato Wildlife Centre Matang che ospita numerosi oranghi.

Sepilok Orangutan Rehabilitation Centre

In questo centro che si trova nello stato di Sabah è permesso ai visitatori di salire sugli alberi e vedere senza disturbare, gli oranghi che si alimentano.

Lok Kawi Wildlife Park

Il Lok Kawi Wildlife Park si trova a soli 30 minuti da Kota Kinabalu, si estende su 280 ettari di foresta pluviale ed è abitato da tigri, elefanti, oranghi, e altri animali protetti.

The Kinabatangan River

Nei pressi del piccolo villaggio di Sukau, nello stato di Sabah, lungo il fiume Kinabatang vi è un centro di fauna selvatica che si prende cura di oranghi, scimmie proboscide e persino di elefanti; per vedere gli animali, basta salire su una barca per una crociera sul fiume.

 

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)