L’Abbazia di San Pietro al Monte

Il nostro tour dei luoghi mistici e rilassanti della provincia italiana continua anche questa settimana dopo che la scorsa avevamo visitato il Monastero di San Pietro di Sorres in Sardegna attraverso il relativo articolo : Il Monastero Benedettino di San Pietro di Sorres

Quindi, dopo la splendida isola sarda, The Golden Scope vi porta questa settimana in Lombardia, una regione che ha diverse province con luoghi che possono offrire un weekend o una vacanza tranquilla lontano dalla vita frenetica di ogni giorno…

Il nord di questa regione si sviluppa a ridosso delle catene montuose ed infatti la provincia di Lecco ha un territorio completamente privo di pianura dato che il 70% è costituito da zone montuose ed il rimanente 30% da zone collinari.

Civate è un comune di circa 4.000 abitanti situato in una area collinare a quasi 300 metri sul livello del mare, si estende prevalentemente alle pendici del Monte Cornizzolo e si affaccia sul Lago di Annone, caratteristiche che già da sole fanno pensare ad una località tranquilla ed accogliente.

Le più antiche tracce di insediamenti umani sul territorio risalgono al periodo preistorico dell’età del rame e nel corso dei secoli diversi popoli vissero in questa zona e proprio da una antica leggenda riguardante i Longobardi si fa risalire l’origine del complesso che vi mostriamo oggi: l’Abbazia di San Pietro al Monte.

La leggenda racconta che l’ultimo re longobardo Desiderio volle la costruzione dell’abbazia come segno di devozione per la miracolosa guarigione dell’occhio del figlio Adelchi, guarigione che, sempre secondo la leggenda, avvenne grazie alle acque di una fonte che ancora oggi è presente nei pressi della chiesa.

Il complesso, situato a 630 metri di altitudine in una posizione invidiabile su di un pianoro erboso, è composto da tre edifici dei quali, purtroppo, solo l’oratorio e la basilica si mostrano ancora nel loro splendore mentre di quello che era il monastero restano solo le rovine.

I meravigliosi affreschi che decorano l’interno della basilica sono una importante testimonianza romanica/lombarda e la misticità del luogo non è data solo dal risvolto religioso del complesso e della miracolosa fonte della leggenda ma, bensì, anche dalla natura che lo circonda e lo protegge instancabilmente da secoli.

 

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)