Anghiari, un gioiello medievale

La verde e rilassante Toscana è famosa per le sue bellezze naturali che attirano ogni anno visitatori da tutto il mondo. Le sue colline ricoperte dalle vigne e i suoi casolari sono luoghi ideali per chi ama trascorrere le vacanze circondato dalla natura e lontano dalle affollate e rinomate località turistiche.

Ma questa regione, grazie alla sua storia che spazia dal periodo preistorico ai nostri giorni attraversando in modo significativo importanti periodi come quello medievale e quello rinascimentale, offre ai turisti anche tanti affascinanti siti storici.

Uno di questi è sicuramente la graziosa cittadina di Arezzo che, grazie anche alla sua posizione geografica alla confluenza delle valli Valdarno, Valdichiana e Casentino, fu una delle principali città etrusche fino a quando non fu conquistata dagli antichi romani.

A circa 30 chilometri da Arezzo, quasi al confine fra la Toscana e l’Umbria, adagiato su di una collina di ghiaia che si è accumulata nel corso dei secoli per il passaggio del fiume Tevere che fino al 1.200 scorreva ai piedi del centro abitato, si trova lo stupendo borgo medievale di Anghiari.

Storicamente il borgo è famoso perché nella pianura alla sua base si svolse nel 1.440 la Battaglia di Anghiari fra le truppe fiorentine e quelle milanesi nella quale la vittoria delle prime consentì a Firenze di assumere il governo della cittadina.

Anghiari è un vero e proprio gioiello medievale con il suo borgo che si presenta ancora oggi protetto dalle imponenti mura duecentesche che lo circondano regalandogli il caratteristico aspetto delle cittadine del medioevo.

Il territorio del comune di Anghiari, che conta poco meno di 6.000 abitanti, comprende delle frazioni e località come quella di San Lorenzo interessante per il Castello di Sorci che fu la residenza estiva di una influente casata ghibellina aretina mentre in località Tavernelle è possibile ammirare la Villa La Barbolana, singolare esempio di villa fortificata.

Il borgo di Anghiari è caratterizzato da una serie di strette e tortuose stradine nelle quali è facile perdersi immersi nella rilassante atmosfera storica che si respira ad ogni angolo anche e soprattutto perché presenta diverse antiche costruzioni tutte da visitare e tutto ciò gli ha consentito di ricevere la “Bandiera Arancione”, un importante riconoscimento turistico/ambientale conferito dal Touring Club Italiano.

 

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)