Il Phoenix Park

Recentemente vi abbiamo già parlato della splendida Irlanda ed in particolare della Repubblica Irlandese attraverso il nostro articolo La Festa di San Patrizio

La capitale Dublino, che in irlandese vuol dire “città del guado della staccionata”, è situata sulla foce del fiume Leffey e si affaccia sul Mare di Irlanda e fu proprio questa sua posizione geografica che spinse i Vichinghi a fondare la città come centro per il commercio degli schiavi.

Oggi Dublino, che è la capitale irlandese fin dal lontano periodo medievale, ha poco più di mezzo milione di abitanti ed è caratterizzata dalla tradizionale rivalità fra le due zone separate dal fiume Liffey, quella settentrionale chiamata “Northside” che viene identificata come area abitativa della classe lavoratrice/operaia e quella meridionale chiamata “Southside” dove risiedono prevalentemente le persone appartenenti alla borghesia ed i ceti più abbienti.

A circa 3 chilometri dal centro della capitale si trova il Phoenix Park, un grande e suggestivo parco che con i suoi 712 ettari, tutti circondati  da una cinta muraria di oltre 16 chilometri, è considerato il parco recintato più grande d’Europa, con una estensione maggiore dei famosi Central Park di New York e Hide Park di Londra.

Credo che, a parte ovviamente gli abitanti di Dublino, sarebbe il sogno di molti avere a disposizione a breve distanza dalla propria abitazione un parco cittadino maestoso come il Phoenix Park nel quale la natura, ovviamente, la fa da padrona ma che custodisce anche costruzioni e monumenti storici.

Infatti nel parco si trova la “Aras an Huachtarain” che è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica d’Irlanda, una costruzione disegnata nella metà del XVIII secolo da Nathalien Clements che, quasi incredibile ma vero, era guardaboschi e architetto dilettante mentre nell’area nord è possibile ammirare la costruzione più antica del parco, l’Ashtown Castle.

Visitando il parco ci si imbatte anche nella Croce papale che fu eretta dopo la visita di Papa Giovanni Paolo II, Karol Jozef Wojtyla, che il 29 settembre del 1979 tenne una messa alla quale parteciparono più di un milione di irlandesi, quasi un terzo dell’intera popolazione del paese.

Un altro affascinante monumento è l’obelisco alto 62 metri dedicato a sir Arthur Wellesley, il duca di Wellington, che ha alla base quattro placche di metallo derivate dalla fusione di alcuni cannoni usati durante la battaglia di Waterloo. Ma la vera attrazione sia per i bambini che per gli adulti, come si vede dal divertente filmato che vi proponiamo, sono i numerosi e dolcissimi cervi che, abituati alla presenza umana, si lasciano coccolare dai visitatori mettendosi a volte quasi in posa per la foto di rito…

 

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)