Il Giardino Botanico Andrè Heller

0 copertina

Il Lago di Garda e tutto il territorio che lo circonda è una delle mete turistiche preferite sia dal turismo nazionale che da quello internazionale e, per quanto riguarda quest’ultimo, è la meta prediletta dai turisti austriaci e tedeschi che sono anche geograficamente molto vicini.

Questo lago, il più grande in Italia con i suoi 370 km2 di superficie, tocca 3 regioni, Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige, ed è circondato da diversi piccoli centri abitati molto caratteristici sia dal punto di vista storico/architettonico che da quello naturale come Sirmione, una suggestiva lingua di terra che sembra quasi lasciarsi accarezzare dalle acque…

Gardone Riviera è un’altra perla di questa area che si affaccia direttamente sul Lago di Garda, posizione che le regala un clima mite in inverno e non eccessivamente  caldo nel periodo estivo, aspetto che attrae irresistibilmente i turisti in cerca di relax…

Il Giardino Botanico Andrè Heller, noto anche come il Giardino Hruska, si trova proprio a Gardone Riviera e più precisamente su di un declivio del Monte Lavino, in una zona che era precedentemente terrazzata a vigneti.

4 a

Progettato dal medico di origine Cecoslovacca  Arthuro Hruska, dentista degli Zar e della famiglia reale italiana dei Savoia, dal 1989 è curato e gestito dalla Fondazione Heller attraverso la quale il poeta/artista austriaco Andrè Heller è divenuto il custode di questo angolo di paradiso.

Il giardino ospita circa 3.000 specie botaniche provenienti da tutto il mondo ed infatti è lo stesso Heller ad affermare che è un “campionario di regioni del mondo”, dalla Nuova Zelanda al Canada, dal Giappone all’Africa, dall’Australia all’Himalaya!

La caratteristica principale di questo giardino botanico sta nel fatto che i diversi ambienti naturali, ricreati con estrema cura e difficoltà con stagni, cascate e ruscelli che si alternano a colline in pietra dolomitica e cactus, si “fondono” perfettamente con una serie di sculture contemporanee di diversi artisti internazionali.

Tutto ciò contribuisce a regalare a chi visita il Giardino Botanico Andrè Heller una sorta di viaggio in un mondo meraviglioso nel quale effetti scenografici sorprendenti creati da strutture artificiali si mescolano perfettamente con natura e arte con una armonia che sembra avvolgere anche i visitatori facendoli sentire parte del giardino stesso…

9 10

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)