Budua, storia medievale e spiagge turistiche

0 copertina

Il Montenegro è una repubblica parlamentare europea molto giovane… infatti ha ottenuto la sua indipendenza dalla Serbia il 3 giugno del 2006. E’ anche uno dei paesi più piccoli dell’Europa con quasi 14.000 km2 di superficie e poco più di 670.000 abitanti.

La sua posizione geografica sul Mare Adriatico lo sta trasformando nel terzo millennio in un polo turistico molto interessante anche e soprattutto perché la sua costa, anticamente “frequentata” dai Turchi dell’Impero Ottomano, dai Greci e dagli italiani della Repubblica di Venezia, è ricca di memoria storica.

Budua, in montenegrino Budva, è un centro costiero nel quale convivono in modo affascinante le 2 anime del Montenegro, quella storica con particolare riferimento al periodo medievale e quella moderna del turismo con spiagge e mare molto accoglienti.

3 a

La cittadina, che oggi conta circa 16.000 abitanti ed ha mantenuto il suo aspetto medievale, è stata fondata anticamente, secondo una leggenda, da Cadmo e Armonia che arrivarono in zona alla ricerca della principessa Europa che era stata rapita da Zeus, il capo di tutti gli dei dell’Olimpo secondo la mitologia greca.

L’incantevole città vecchia di Budua sorge su di un’isoletta molto vicina alla costa alla quale era collegata originariamente da una stretta striscia di terra ricoperta di sabbia che con il tempo si è trasformata in una penisola che rende estremamente suggestivo il paesaggio.

La città vecchia, nonostante i tanti assedi subiti nel corso dei secoli ed anche dei terremoti, ha mantenuto la sua antica identità architettonica tipicamente mediterranea con il castello e le mura fortificate che furono erette durante il dominio dalla Repubblica di Venezia che durò circa 3 secoli e sulle quali spiccano i leoni di San Marco, testimonianza del dominio veneziano.

Come tutti i borghi medievali Budua “regala” ai turisti delle suggestive passeggiate  nelle sue tortuose viuzze fra piazzette e chiese tutte da scoprire. La chiesa di San Ivan, che risale al VII secolo, è impreziosita da dipinti e icone realizzati da artisti veneziani fra il XV e il XVII secolo ma meritano una visita anche la chiesa di San Sava e la chiesa della Santissima Trinità.

L’altra anima di Budua, che oramai è considerata la capitale del turismo montenegrino, è quella delle spiagge e del mare, dei ristoranti e delle gelaterie che consentono durante la stagione estiva delle piacevoli vacanze durante le quali tutta la zona, che è particolarmente vivace in quella stagione, offre diverse manifestazioni culturali e di spettacolo con artisti internazionali come il Festival Budua Città Teatro durante il quale si tengono concerti e spettacoli teatrali e folcloristici e le spiagge, di notte, si trasformano in una discoteca…

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)