Il Palàcio da Pena di Sintra

Sintra è una cittadina, con poco più di 300.000 abitanti, che fa parte del distretto di Lisbona ed è considerata anche un importante centro dell’Estremadura, da non confondere con l’Estremadura spagnola, una antica provincia/regione naturale del Portogallo.

Il territorio sul quale si è sviluppata è molto particolare perché ricco di rilievi e pareti rocciose che si alternano a suggestivi e lussureggianti giardini e proprio per queste caratteristiche peculiari il suo paesaggio culturale è stato inserito nel 1995 dall’UNESCO nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Il Palàcio da Pena è stato edificato negli anni fra il 1840 e il 1850, su progetto dell’architetto e barone tedesco Ludwig von Eschwege, è assolutamente unico nel suo genere….

sintra palace 1

In realtà non è un palazzo o un castello ma un insieme di edifici nei quali sono presenti diversi stili architettonici, dal gotico all’arabo, dal rinascimentale al barocco, oltre al grande parco all’inglese che circonda tutto il complesso.

Un aspetto romantico, ma anche sintomatico della onnipotenza delle famiglie reali dell’epoca, sta nel fatto che il complesso fu fatto edificare da Maria II di Braganza come regalo di nozze per il marito Re Ferdinando II.

Il colpo d’occhio che si ha nel vedere da lontano il complesso è quasi impressionante, non solo per i diversi stili architettonici ma anche per i colori forti e sgargianti che risaltano ancora di più nelle giornate nelle quali il sole li “accarezza” esaltandoli con lo sfondo dell’azzurro del cielo.

Costruito sulle macerie di un convento gerolamitano del ‘400, il Palàcio da Pena è stato classificato come una delle 7 meraviglie del Portogallo, rendendone ovviamente fieri gli abitanti di Sintra i quali affermano con orgoglio che nessun turista/viaggiatore può dire di conoscere questa nazione senza avere visitato la loro cittadina ed il suo meraviglioso palàcio….

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali))