L’isola di Policandro

La Grecia, grazie alla sua favorevole posizione geografica di estremo lembo meridionale della penisola balcanica che sembra tuffarsi nelle acque fra il Mare Egeo ed il Mare Ionio ed al fatto che è composta da circa 6.000 fra isole e isolotti dei quali poco più di 200 sono abitati, è una delle mete preferite del turismo estivo che predilige il sole ed il mare.

Infatti dal turismo deriva una parte importante del prodotto interno lordo del popolo greco, circa il 16%, ed è stato stimato che annualmente circa 20 milioni di turisti, in prevalenza provenienti dai paesi del Nord Europa, trascorrono le vacanze in questo paese non solo al mare ma anche nelle città storiche.

Le Cicladi sono un gruppo di isole, circa 220, posizionate nel Mare Egeo a sud della Penisola  dell’Attica, gruppo del quale fa parte la meravigliosa e rinomata Isola di Santorini che è la più meridionale dell’arcipelago.

Inoltre fra le principali isole ci sono Amorgo e Kimolos, Milo e Nasso, Sicandro e Policandro, tutte dai nomi molto particolari e tutte di una bellezza selvaggia che consente delle rilassanti vacanze a diretto contatto con la natura e l’accogliente popolazione locale.

L’Isola di Policandro, in greco Folegandros, è sicuramente una delle più caratteristiche isole greche a cominciare dalle sue “misure”, 14 chilometri di lunghezza e circa 4 di larghezza e conta nei 3 villaggi di Karavostasis, Hora e Ano Meria un totale di circa 700 abitanti.

Il villaggio di Karavostasis è caratterizzato da un piccolo e accattivante porticciolo e dalle spiagge più conosciute dell’isola raggiungibili in auto mentre da Pano Meria è possibile raggiungere la spiaggia di Livadaki solo a piedi dopo avere percorso per circa un’ora un sentiero che mostra un panorama a dir poco strepitoso.

Hora è un piccolo borgo risalente al 1.200 ed è considerato la “capitale” dell’isola. E’ situato in una posizione molto suggestiva sulla cima di una imponente scogliera e dalle sue caratteristiche abitazioni si inerpica sul pendio un romantico sentiero che porta al Santuario di Panaghia dal quale è possibile ammirare il panorama dall’alto.

Per raggiungere questa splendida isola bisogna atterrare all’aeroporto di Santorini, a circa 40 chilometri, e poi prendere un lento ma confortevole traghetto oppure un veloce aliscafo e quando poi si arriva a Policandro c’è solo l’imbarazzo della scelta fra le spiagge raggiungibili da terra e quelle assolutamente meravigliose che invece sono raggiungibili solo da mare.

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)