Paje, la perla dell’Isola di Zanzibar

0 copertina venerdì-zanzibar

L’Arcipelago di Zanzibar, Tanzania, si trova nell’Oceano Indiano, poco sotto l’equatore, ed è separato dal continente africano da soli 35 chilometri.

Unguja è l’isola principale dell’arcipelago, un paradiso naturale nel quale gli abitanti hanno sempre vissuto di pesca e della coltivazione delle alghe rosse e che solo in tempi recenti ha iniziato ad aprirsi al turismo.

Alloggiare in una delle sue romantiche guest-houses è un’esperienza unica non solo perché sono molto accoglienti ma anche e soprattutto perché ogni alloggio ha una veranda dalla quale è possibile a sera godersi gli spettacolari tramonti sull’Oceano Indiano.

L’isola ha delle spiagge meravigliose con una sabbia così bianca da essere indicata anche come “sabbia con l’effetto borotalco” dai pochi fortunati viaggiatori che la visitano attratti anche dal mito di Zanzibar e le “Mille e una notte”, la celebre raccolta di novelle orientali.

Fra i villaggi sicuramente Paje, che si trova sulla costa orientale dell’isola, è da non perdere. La sua chilometrica spiaggia bianca, ricca di palme, con la marea che spesso la rende immensa consentendo senza nuotare di scoprire la vita marina fino a 300 metri dalla costa, è un meraviglioso spettacolo della natura.

Inoltre la spiaggia è considerata, dagli amanti di questo sport, il regno dei Kite-surfer che rendono il paesaggio ancora più suggestivo con i loro paracadute multicolori che solcano il cielo azzurro mentre le loro tavole sfrecciano sulle onde del mare verde smeraldo….

Un’altra particolarità è rappresentata dalle coltivazioni di alghe rosse che si trovano nell’acqua poco profonda vicino alla spiaggia e che appaiono come degli orti con le donne che li curano e che periodicamente raccolgono le alghe.

Infine non potevamo non menzionare il capolavoro che madre natura ha creato a poca distanza dalla spiaggia di Paje: la barriera corallina, particolarmente apprezzata per fare immersioni e snorkeling in compagnia di pesci multicolori, delfini e tartarughe.

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)