Il fiabesco Castello di Schwerin

copertina venerdì-schwerin

Se penso alla Germania la mia mente corre indietro nel tempo quando da ragazzo a scuola non amavo la geografia ma rimasi colpito, anzi affascinato dalla Foresta Nera, una grande area nella parte sud-occidentale di questo paese che comprende ovviamente boschi con stupenda vegetazione ma anche dei piccoli e caratteristici borghi che mi avevano fatto sognare, come se non stessi studiando una materia scolastica ma, invece, mi trovassi all’interno di un racconto popolato di fate e folletti…

Nel corso degli anni, terminata la scuola, il mio approccio alla “geografia”, non essendo più di indirizzo scolastico, è cresciuto smisuratamente ed ho avuto occasione di approfondire la conoscenza anche del nord della Germania scoprendo il land Meclemburgo-Pomerania Anteriore che ha come capoluogo la città di Schwerin, una cittadina a dimensione umana, poco più di 100.000 abitanti, che, a mio modo di vedere, ha “qualcosa” di magico…

Infatti oltre all’affascinante centro storico nel quale arte e architettura sono onnipresenti, la città può vantare la sede del Parlamento (Landtag) del land del quale fa parte, una sede assolutamente fuori dal comune…

schwerin 3a

Quel “qualcosa” di magico è in realtà il Castello di Schwerin, sede del Landtag, che si presenta in modo fiabesco con il suo suggestivo profilo che si riflette nell’acqua dell’omonimo lago che circonda l’isolotto sul quale fu edificato per beneficiare della posizione strategica.

Le prime notizie riguardanti il castello, che a quei tempi era in realtà una città fortificata, risalgono al 965, grazie ad un commerciante arabo che fu tra i primi appartenenti al mondo islamico a visitare quella zona del nord dell’Europa.

Alcuni secoli dopo, esattamente nel XVI secolo, la struttura perse i suoi connotati di fortezza difensiva grazie al duca Giovanni Alberto I che lo trasformò in una sorta di elegante palazzo residenziale rinascimentale che assunse poi il suo meraviglioso aspetto definitivo nel XIX secolo grazie al famoso architetto George Adolph Demmler.

Nel 1913 uno spaventoso incendio danneggiò gravemente il castello che, in seguito, con un grande sforzo delle autorità locali, fu poi restaurato per divenire dopo la seconda guerra mondiale, un museo e la sede del Parlamento locale.

schwerin 7a

Ed è grazie a tutto ciò che oggi tutti possiamo ammirare quel “qualcosa” di magico, il fiabesco Castello di Schwerin che, sono sicuro, guarirebbe il “mal di geografia” (ed anche quello di “storia”) di qualsiasi studente con i suoi splendidi giardini e le sue maestose sale di rappresentanza, testimonianze di epoche passate che hanno caratterizzato la storia europea.

 

I   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)