Il Giardino Botanico Castleton

0 copertina lunedi k46998castleton-gallery1

La Giamaica, un paese che stuzzica la fantasia di tutti noi da diversi punti di vista! Il primo pensiero che si impadronisce di chi scrive, ex dj e grande appassionato di musica, è quello per la musica tipica di questa area, il reggae.

Un genere intramontabile, senza tempo, con il suo indiscusso re: Bob Marley.

Un altro pensiero che sicuramente “assale” tutti è quello della sconvolgente bellezza dei Caraibi e del suo mare. I loro colori contendono a pieno titolo il primato di bellezza ad altre splendide aree dell’estremo oriente come la Thailandia, l’Indonesia e le Filippine.

jambshutterstock_112138919

A parte questi aspetti universalmente conosciuti, la Giamaica, grazie al suo clima tropicale, ha una flora indigena molto vasta e per questo motivo oggi The Golden Scope vi parla del Giardino Botanico Castleton.

E’ stato aperto il 19 novembre del 1862 in quella che era originariamente una piantagione di zucchero di un coltivatore inglese che poi, nel 1869, ha donato la struttura al governo giamaicano.

In poco tempo Castleton è diventato il giardino botanico più famoso dei Caraibi continuando ad accogliere costantemente nuove specie. Fra tutte l’esempio delle palme, tipiche dell’area, e il relativo Palmetum che era arrivato ad ospitare ben 180 differenti specie che purtroppo oggi si sono ridotte a “sole” 25.

Questa ricca realtà botanica attira una grande varietà di uccelli e, passeggiando nel giardino, è facile imbattersi in diverse specie di volatili che si lasciano pigramente ammirare dai visitatori.

Circondato dalle colline di Santa Maria, Castleton è ideale per gli amanti della natura che prediligono i luoghi tranquilli e freschi per rilassarsi… Ascoltare le acque del fiume Wag che scorrono e lasciarsi “cullare” dall’erba di un verde lussureggiante nella patria di Bob Marley, sono aspetti che si trovano, perfettamente combinati fra di loro, solo in Jamaica….

zG_7521 zjamaica3

 

I L   V I D E O

 

(Tutte le foto sono prese da Google.com, tutti i video sono presi da YouTube.com, e tutti appartengono ai rispettivi proprietari originali)